Utilizzando il nostro sito web, acconsenti all'uso dei cookie in conformità con la Cookie Policy.

La calendula è una pianta medicinale tradizionale

Da dove viene la calendula?

La calendula, molto conosciuta anche nel nostro Paese, è una pianta originaria delle regioni mediterranee ed è originaria dell'Asia occidentale e del Mediterraneo. Questa pianta annuale arancione brillante appartiene alla famiglia dei fiori nidificanti. Pur non essendo una pianta perenne, se sparge i suoi semi può essere ogni anno ornamento del nostro giardino ed elemento utile della nostra farmacia domestica.

A cosa servono le calendule?

I suoi effetti benefici, sia esterni che interni, sono noti da secoli. Viene utilizzato esternamente per ferite, problemi della pelle e infiammazioni perché ha un eccellente effetto cicatrizzante.

Se ne ricava olio, tintura, tisane, ma è ottimo anche come spezia. Naturalmente è anche un componente popolare dei cosmetici perché fa miracoli sulla pelle. Internamente ha un effetto antinfiammatorio, quindi il suo consumo è consigliato in caso di stomaco o cistite. Ha un effetto scientificamente provato contro la colelitiasi ed è anche un antispasmodico.

Perché la calendula è preziosa?

Il suo valore risiede nel contenuto del principio attivo. Contiene oli essenziali (ad esempio mentone, carvone, terpinene), polisaccaridi, flavonoidi e carotenoidi, che gli conferiscono anche il colore. Questa bomba di principi attivi si traduce in un effetto antinfiammatorio e in molti altri effetti benefici, anche sui capelli.

I 3 problemi principali in cui si può riscontrare il meraviglioso potere curativo della calendula sono: forfora, eccessiva untuosità e caduta dei capelli. Rafforza i capillari del cuoio capelluto, riducendo così la caduta dei capelli e favorendo la comparsa dei peli del bambino. Neutralizza i radicali liberi e, grazie al suo effetto rigenerante cutaneo, previene la forfora e l'eccessiva untuosità. I carotenoidi, in quanto precursori della vitamina A, esercitano un'azione antiossidante e nutrono i capelli.

• Grazie alle sue radici spesse e fibrose, la calendula è anche un'ottima pianta tappezzante, proteggendo così il terreno.

• Poiché muore da solo, fornisce alla terra biomassa, ma se non lo lasciamo nel terreno, può essere compostato.

• Protegge le piante circostanti dai parassiti perché sono attratti dalla sua linfa bianca e appiccicosa.

• Attira insetti utili come coccinelle, merletti e mosche ronzanti.

Curiosità:
Se i fiori sono ancora chiusi dopo le 7 del mattino, è prevista pioggia quel giorno.